Come cambiare umore | Migliora la tua vita

PODCAST-di-crescita-personale

Non so se hai idea di quanto possa essere utile capire come cambiare umore e imparare a gestire i nostri eccessi emozionali.

Prova a pensare a tutte quelle volte in cui ti sei sentito frustrato, nervoso, arrabbiato o in imbarazzo. Fatto? Immagino siano ben più di quelle che potresti contare sulle dita di una mano.

Ora pensa alle circostanze in cui ti trovavi e a come si sono sviluppate quelle situazioni. Di norma l’esito non è positivo, ed è assolutamente normale. Emozioni come rabbia, ansia o imbarazzo hanno un impatto enorme su ciò che viviamo e sul nostro modo di reagire o non reagire.

Penso a chi si blocca di fronte all’esaminatore durante un esame e non riesce più a parlare, a chi innesca un litigio di fronte al più piccolo screzio o a chi, ancora, evita di affrontare determinate circostanze per timore. Esempi di questo tipo se ne potrebbero fare all’infinito.

Sono emozioni che non possiamo evitare, né rifuggire. Fanno e faranno sempre parte della nostra vita. Ed è pure un bene! Infatti, per quanto possano risultare spiacevoli, ti permettono di crescere e di leggere il mondo in maniera diversa.

“Bene, Dario, e quindi che si fa? Si accetta tutto e si spera per il meglio?”

Certo che no. Quello che volevo dirti oggi è che sì, sono emozioni necessarie e importanti, ma sono ben consapevole di quale effetto peggiorativo possano determinare sulla tua vita, sia nel breve che nel lungo termine.

Come sempre, però, di fronte a tutto questo a te spetta una scelta: queste emozioni vuoi imparare a gestirle o preferisci rimanerne schiavo?

In quest’ottica, capire come cambiare umore ti potrebbe aprire strade nuove e darti modo di fare proprio questo: vivere le emozioni senza che ti trascinino alla deriva e scalfiscano il tuo equilibrio.

Come cambiare umore: riconosci e accetta le tue emozioni

Capire come cambiare umore non significa cambiare ciò che provi o allontanare da te tutte le emozioni negative che vorresti non ti appartenessero. Ognuno di noi sperimenta una miriade infinita di emozioni ogni giorno, ma ognuna di esse esercita una funzione ben definita e ha un suo ruolo, una sua importanza.

L’emotività è una parte fondamentale della nostra vita. Per capire come cambiare umore, è innanzitutto cruciale che tu comprenda tutto il ventaglio delle tue emozioni. Devi comprendere bene ciò che le innesca, saperle riconoscere e accettarle per quello che sono. Infine, rimboccarti le maniche e darti da fare per reagire ad esse in maniera nuova.

Ti faccio un esempio che forse potrà illustrare meglio ciò che intendo: potresti evitare di innervosirti prima di un esame? L’ansia prima di un esame è un’emozione che non è semplice da controllare e dipende da multipli fattori. Non puoi evitare di sentirti un po’ ansioso. Ciò che puoi fare è però andare alla fonte e cercare di capire perché un semplice esame ti crei così tanta agitazione. Sei poco preparato? Sei preoccupato all’idea di non farcela? Impara a disinnescare gli elementi che contribuiscono a renderti ansioso. Scopri i tuoi meccanismi.

La vita ci metterà sempre di fronte a delle sfide o a delle circostanze poco piacevoli, nonché a degli imprevisti su cui non potremo esercitare alcuna forma di controllo. A noi spetta il compito di capire come riprendere quel controllo, come cambiare il nostro umore e non rimanere assoggettati al contesto delle nostre emozioni.

Lo dico per te: se desideri davvero ottenere dei risultati, imparare come cambiare umore e a gestire le emozioni può dimostrarsi basilare.

E se cambiare umore non ti riesce?

Quando comprendi come cambiare umore, puoi scegliere di non essere più alla mercé delle tue emozioni. Questo ti permette di acquisire una marcia in più rispetto ad altri, di muoverti con più sicurezza nel mondo. Senti di essere finalmente tu a determinarti, di manovrare i fili.

Eppure a volte capita anche di non riuscire a cambiare umore e di non riuscire ad adottare quel cambio di prospettiva che ti permetterebbe di vivere in maniera differente una specifica situazione. Rispetto a questo sono in molti a domandarmi come si possono gestire questi momenti.

La mia risposta è che occorre accettarli come accetteremmo la felicità, la gioia, l’euforia. Sono attimi di debolezza a cui non possiamo sottrarci e che svolgono un ruolo ben definito: ci spingono a tirare fuori e riscoprire la nostra forza e magari, per un attimo, a coccolarci un po’, ad essere un po’ più indulgenti con noi stessi. L’importante è che abbiano una durata limitata e che non si protraggano oltre quanto necessario.

Se ti capita di vivere uno di questi momenti, vivili appieno, non lasciarli a metà e non cercare di far finta di niente. Appropriati della tua tristezza, fai il pieno di rabbia, riempiti di vergogna. Scruta e studia quelli che in molti definiscono “i lati bui” del tuo mondo interiore.

Poi lasciati quei momenti alle spalle e tieniti stretto tutti gli insegnamenti che ne hai ricavato.

Se ti interessa questo argomento leggi anche questo Articolo, cliccando QUI.

Una risorsa sottovalutata: la tua mente

È dalla mente che hanno origine sia pensieri che azioni che incidono su ogni aspetto di te. Se saprai sfruttarla a pieno, con motivazione e costanza, potrai usare la mente per determinare il cambiamento che desideri e raggiungere i traguardi che senti di meritare.

Non avere mai paura di usare la tua mente, e di usarla in sinergia col tuo corpo. Le emozioni hanno infatti anche e prima di tutto una manifestazione fisica. L’ansia, ad esempio, si associa al batticuore, mentre il nervosismo alla rigidità muscolare. Sono manifestazioni fisiche ben precise.

Ricorda dunque di non lasciare mai i tuoi intenti confinati soltanto al reame del pensiero: accompagnali o trasformali in azione. Solo così potrai ottenere dei risultati concreti e reali.

Soprattutto, non aspettare ancora: ti pare che la vita ti stia forse aspettando? La vita va avanti e procede, con o senza di te. Trova il tempo di essere presente per te stesso, di dedicarti a te. Inizia sin da questo momento, inizia adesso.

Dario Silvestri

Practice, Dedication, Results